Soluzioni IT per il tuo business 0434 608261 info@amicidelpc.it

Email Aziendale un campo minato

da | Set 23, 2021 | Podcast di Radio ADPC, Legal IT

Benvenuti nell’episodio numero ventuno di Radio ADPC, per la rubrica Legal IT

L’email dei dipendenti con dominio aziendale è un campo minato su cui è molto facile
inciampare.
I titolari delle aziende devono prestare molta attenzione a quelle che sono le direttive in
merito alla privacy e l’utilizzo della casella elettronica aziendale nominativa dei
dipendenti.

Nella prima parte di questo nuovo episodio sugli aspetti legali del mondo IT Stefano
Corsini ci illustrerà quali sono le linee guida del Garante per la protezione dei dati
personali e del GDPR per gestire in modo corretto i differenti scenari che possono
verificarsi in ambito lavorativo.

Capiremo l’importanza di avere un collega fiduciario per il dipendente e per il titolare in
caso di ferie o assenza improvvisa e non programmata.
Stefano Corsini ci spiegherà quanto sia importante per il titolare dimostrare di avere una
comprovata motivazione per accedere alla casella di posta elettronica del
dipendente ed evitare di cadere nell’illecito.

Nella seconda parte del podcast, Daniel Florean e il suo ospite proporranno alcuni
fondamentali suggerimenti per disincentivare un utilizzo scorretto della casella email
aziendale, tra cui senza dubbio rientrano:

  • Un Disciplinare tecnico interno
  • Un Disclaimer ben strutturato

Infine risponderemo ad alcune domande molto interessanti per gli amministratori di
sistema e i titolari di azienda. Tra cui:

  1. Quanto tempo conservare le email aziendali e quali sono le distinzioni tra grandi e
    piccole imprese?
  2. Quali sono le predisposizioni tecniche e le regole che un amministratore di sistema
    può attuare per prevenire un utilizzo privato delle email aziendali?
  3. Quali sono le incongruenze e le contraddizioni dei differenti regolamenti?

 

Per conoscere le risposte a questi quesiti vi invitiamo ad ascoltare il podcast.

Gli approfondimenti sono a cura di Daniel Florean e dell’avvocato Stefano Corsini